Il CEO e Co-Founder Massimiliano Braghin su Milano Finanza in occasione del Terzo Round di InfinityHub S.p.A. Benefit, campagna attiva su CrowdFundMe

Con più di 820.000 euro raccolti e un overfunding del 250% la campagna di InfinityHub su CrowdfundMe sta avendo un successo stellare, e non è ancora finita! Ecco l’intervista del Presidente e Amministratore Delegato Massimiliano Braghin su Class CNBC, nello speciale Crowd Italia del 13 luglio 2021.

Emerick: “Braghin, una ne pensa, cento ne fa. La campagna del Terzo Round di InfinityHub su CrowdFundMe ha già registrato l’overfunding, che non è una novità visto che tutti i progetti di InfinityHub superano sempre l’obiettivo minimo.”

Massimiliano: “Siamo arrivati alla 12esima campagna di successo per quanto riguarda la galassia di InfinityHub S.p.A. Abbiamo già doppiato l’obiettivo e siamo oltre i 760.000 euro di raccolta su un massimale di 2 milioni di euro. InfinityHub è una holding di partecipazioni, ogni nostro progetto di riqualificazione energetica è una società di scopo. La genialità del modello è stato l’incastro naturale del crowdfunding nel nostro modello, non solo come raccolta di capitali per fare leva e finanziare i progetti, ma anche come straordinario elemento di socializzazione. Oggi InfinityHub si presenta come Società per Azioni anche Benefit, come da ultima assemblea dei soci, anche se lo siamo sempre stati sin dalla nascita, con un approccio totalmente nuovo, aperto e condiviso nel campo dell’efficienza energetica”

Massimiliano: “Oggi le tipiche ESCo, Energy Service Company, realizzano e finanziano progetti green di riqualificazione, coprendo solamente una dimensione: il green. Se noi a questa dimensione B2B, dove c’è chi compra e chi vende, aggiungiamo un’altra dimensione rappresentata dal fintech e di conseguenza dal crowdfunding, regina del fintech, abbiamo la possibilità di aprire il capitale sociale anche ai cittadini. Con questa campagna supereremo i 1.000 soci di gruppo, con l’obiettivo di creare una grande community attraverso i progetti ma soprattutto attraverso le persone. La cosa straordinaria che è capitata a InfinityHub (capitata perché noi stiamo cavalcando un’onda non generata da noi), è la terza dimensione ben rappresentata dal mondo social che ci è stato regalato. Dal 2016, grazie alle numerose iniziative, la community ha generato più di 420 tra righe di Google, articoli di testate nazionali cartacee e articoli redazionali, che parlano dei nostri progetti spesso associati all’Alta Finanza. Ne è testimonianza la presenza di importanti player della Finanza italiana e milanese nel capitale sociale della nostra società. Si genera dunque una tridimensione del green: il green si somma al fintech e il crowdfunding genera un’esperienza social. E qui è giusto parlare di relazione spazio-tempo che permette di sfruttare al massimo l’utilità delle nostre azioni green. Il social restituisce una gestione del tempo e dello spazio straordinaria, curvandola come diceva Einstein, permettendo a tutti di partecipare nello stesso momento ai nostri progetti. Questo ha attivato un processo educativo, perché purtroppo pochissime persone conoscono il valore dell’efficienza energetica e dell’equity crowdfunding, entrambi in continua crescita, circa del 40x, proprio come InfinityHub che oggi fattura 40 volte rispetto al primo anno. Questo è InfinityHub.”

Emerick: “Siete la prima Energy Social Company, tratterete di efficientamento energetico ed energie rinnovabili, senza dimenticare la pista ciclabile solare.”

Massimiliano: “Oggi, circa l’80% del valore della produzione è legato alla riqualificazione energetica con interventi di lighting, riscaldamento/raffreddamento, fotovoltaico, cappotti, infissi e mobilità elettrica. Stiamo lavorando moltissimo sul Terzo Settore, sociosanitario, normalmente privato ed accreditato alle Regioni, grazie a partnership con le più importanti banche italiane in tal senso. La BYS è una sorta di “rilegatura del libro” come diceva Dante, e rappresenta il nostro primo progetto di R&D, oggi alla versione 3.0, in fase di progettazione esecutiva su 5 location tra il Veneto e la Lombardia. La bellezza del nostro modo di lavorare non è solo quella di diffondere progetti con generazione di valore, ma anche di inserire nuove tecnologie come ad esempio la pista pedonale e ciclabile. Tuttavia ciò che affascina di InfinityHub è proprio la nostra creatività (di fatto non badiamo ai competitor e ci creiamo un mercato tutto nostro) nel creare progetti che portino valore aggiunto e un maggior guadagno ai soci che entrano nella società. Tendiamo in tutte le nostre iniziative all’espressione massima della Sostenibilità, cioè il concetto di Impact, con la distribuzione dei benefici, l’attenzione all’ambiente e la gestione del patrimonio in Italia. Se pensiamo all’autosufficienza degli immobili possiamo paragonare l’efficienza energetica allo smettere di fumare. Fino a che molte realtà provano a somministrare una cura ma continuano a guadagnare vendendo sigarette, è evidente che il modello non può essere efficace. Invece, il nostro metodo prevede di agire verticalmente sullo smettere di fumare, non interessandoci alla vendita di energia e gas.”

Emerick: “Quand’è prevista la quotazione di InfinityHub?”

Massimiliano: “Vista la crescita naturale e la quantità di persone che credono in InfinityHub, l’obiettivo è arrivare ad essere uno dei pochi Unicorni italiani. Aprendo continuamente il capitale, l’ingresso in Borsa è uno step naturale. Siamo nati il primo giorno d’estate del 2016 e vorremmo quotarci indicativamente attorno al primo giorno d’estate del 2023, lasciandoci il tempo di aggiornare la pipeline crescente delle nostre iniziative. Il timing perfetto avverrà naturalmente!”

Clicca qui per guardare l’intervista completa su Milano Finanza.

G.M.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter