dicembre 17, 2017 0

La storia di INFINITYHUB raccontata in un libro: “Future Energy, Future Green”

Pubblicato da:Yarea comunicazione ildicembre 17, 2017

Il 12 dicembre 2017 Milano – Anteprima nazionale della presentazione del volume “Future Energy, Future Green”, edito dalla Fondazione Istud, Mondadori, in uscita da gennaio 2018.

Nel libro vi è la storia di Infinityhub, in un saggio dal titolo: “Infinityhub, la rivoluzione energetica clean condivisa tra piccoli azionisti e cittadini”, raccontata dal co-fondatore Massimiliano Braghin.

Nel prossimo ventennio, la popolazione aumenterà di 1,5 miliardi e il Pil crescerà del 50%. Nel 2050 la popolazione urbana raggiungerà il 66% della comunità mondiale. Le città attualmente contano oltre il 70% delle emissioni globali di gas serra legate all’energia. Serve un cambio di passo da parte degli attori della green economy. Partendo da un paradigma: che l’energia verde, che sia però anche clean e sostenibile, è una leva di crescita importantissima. Se ne è parlato oggi a Milano in occasione del workshop organizzato dalla Fondazione Istud insieme alla rappresentanza a Milano della commissione europea dal titolo ‘Future Energy. Future green‘ (titolo di un libro di cui sopra)

“Siamo in una fase in cui anche l’Unione europea si è mossa con leggi, norme e direttive sulla sostenibilitàche ci invitano – sottolinea Marella Caramazza, direttore generale fondazione Istud – a ripensare l’intero ciclo del prodotto e dunque tutte le imprese naturalmente devono o dovrebbero muoversi in questa direzione. Questo è un nuovo driver di cambiamento e di innovazione che certamente può generare molta ricchezza e posti di lavoro nelle nostre imprese. In Italia abbiamo delle grandissime eccellenze e credo sia necessario anche sviluppare le competenze perché i manager, cioè chi decide le politiche industriali e di investimento all’interno delle aziende, possano essere effettivamente capaci di cogliere queste grandissime opportunità”.

 

In tutto questo serve, tra le imprese, “collaborazione”, che diventa un fattore “chiave: un’impresa da sola non credo possa cogliere tutte le opportunità. Si parla tanto di open innovation, di organizzazioni a rete e network, ma quello che va fatto è essere davvero disponibili a collaborare ed aprirsi nei confronti degli altri, che magari all’inizio possono apparire dei competitor ma poi sono dei grandi colleghi con cui fare pezzi di strada che ci possono portare molto più avanti”.

Parla di una vera e propria “rivoluzione” Massimiliano Braghin, presidente InfinityHub. “Rivoluzione è un termine che indica il cambiamento sia del modello, sia delle risorse”, spiega, ricordando l’esperienza di Infinity Hub “che ha strutturato, con l’esperienza dei soci fondatori e degli altri soci che sono arrivati in crowfunding, un vero e proprio paradigma che utilizza, anche dal punto di vista finanziario, un approccio nuovo che è quello dell’equity crowfunding”. L’equity crowfunding, evidenzia, consente di “lavorare assieme, creare relazioni, soprattutto locali, perché oggi abbiamo tecnologie a livello globale che devono essere utilizzate anche a livello locale: sulla singola abitazione, sulla singola piccola e media impresa, sul singolo comune”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyrights © InfinityHUB Spa - Piazza Manifattura 1, 38068 Rovereto (TN) - P.Iva 02430460226